Gratin di zucca o scherzetto!

recette qui fait peur

Ucci ucci, sento odor di brividucci!

— Scena del crimine–

Identità della vittima: una giovane zucca (poverina)
che aveva ancora tanto da vivere.
Armi del delitto: un coltello, una teglia, una grattuggia e un forno
(che barbarie!)
Sospetto N°1: una ragazza che si dichiara foodblogger
(ma chi vuole prendere in giro?)
Secondo la polizia, la giovane zucca sarebbe stata ritrovata mutilata, coperta di cheddar e bruciata viva (persone sensibili, astenersi)

È di stagione e si trova dapperttutto in questo periodo di Halloween, sto parlando della zucca.
Ma come cucinarla senza complicarsi la vita?
Ti propongo un gratin di zucca al cheddar.

Accendi il forno a 200° per cominciare. Lava e pela la zucca. Avrai bisogno di un buon coltello e un po’ di muscoli perché la buccia della zucca è molto dura. Togli anche i semi.
Taglia la zucca a dadi che disponi in una teglia. Versa un filetto di olio d’oliva (sempre, sempre, sempre EVO), condisci con un pizzico di sale, pepe e noce moscata prima di mettere il tutto in forno per 25 minuti.

Dopo 25 minuti, togli il gratin dal forno per cospargerlo di cheddar che avrai grattuggiato e rimettilo in forno per altri 25 minuti.
È prontooooo!!

un gratin ou un sort

Publicités
Citation

Grazie mille… o piuttosto duemila!

grazie

Ho creato questo blog 6 mesi fa, spinta dal mio ragazzo e da un’amica che conoscono la mia passione per la cucina, la condivisione e le cose buone, e finora ho pubblicato 34 articoli.

Da allora divido il mio tempo libero tra la pubblicazione di ricette, di foto dei miei piatti preferiti e le prove di nuove ricette da condividere con voi. E quando ho un momento libero, oltre a chiedermi cosa preparare da mangiare, mi chiedo anche cosa posso inventare di creativo e che vi piacerà.

La più bella ricompensa per tutto questo siete voi: grazie a voi ho raggiunto le prime 2000 visite sul blog e i 100 followers su Instagram. Allora grazie… duemila!! 
Grazie a chi mi legge dall’Italia, dalla Francia, dalla Svizzera, dal Belgio, dal Regno Unito, dal Marocco, dalla Tunisia, dagli Stati Uniti e persino dall’Indonesia!

Ho così tante idee da condividere con voi, così tante ricette in lista d’attesa che lottano per essere pubblicate per prime che posso assicurarvi che è solo l’inizio, che non avete ancora visto niente. Continuate a seguire il mio blog, la mia pagina Facebook e il mio conto Instagram, provate le mie ricette e mandatemi le foto dei vostri più bei successi perché questo blog esiste solo grazie e per voi!

A fra poco per nuove avventure culinarie!